Le intolleranze alimentari by http://www.fioricolori.it

 cibo

Cosa è una intolleranza alimentare?

L’intolleranza è una risposta alterata del sistema immunitario all’ingestione di un alimento, una sorta di reazione avversa ad una sostanza familiare, riconosciuta invece come estranea e nociva.

La reazione si manifesta di solito in modo lieve e subdolo, a distanza dal momento dell’assunzione, provocando uno stato di leggera e costante infiammazione da cibo cronica, conseguente alla ripetuta e continua assunzione dello stesso alimento e alle sostanze antinfiammatorie che l’organismo produce per difendersi.

Quando l’infiammazione da cibo, accumulandosi, supera un certo limite insorgono i sintomi, di diversa natura e spesso non immediatamente riconducibili all’alimentazione. Si tratta di stanchezza, nervosismo, mal di testa e tanti altri piccoli disturbi fisici che compaiono apparentemente senza motivo.

La realtà clinica e la ricerca hanno di recente consentito di capire che qualsiasi cibo può provocare in persone sensibilizzate la produzione di sostanze infiammatorie che provocano tutta la sequenza di sintomi, malattie e disturbi da sempre messi in relazione con le intolleranze alimentari.

 

Perché si diventa intolleranti?

L’intolleranza ha origine a livello del nostro intestino , luogo di contatto tra il mondo esterno, rappresentato dagli alimenti ingeriti, ed il mondo interno, costituito dal flusso sanguigno e dai nutrienti che vi circolano.

Oltre alla funzione digestiva l’intestino svolge anche un ruolo importante nella difesa dell’organismo: la mucosa intestinale, sino a quando rimane integra in tutti i suoi aspetti, costituisce una sorta di barriera selettiva che difende l’organismo dall’ingresso di sostanze dannose.

Quando qualcosa altera l’integrità della mucosa intestinale può venir meno la sua capacità di barriera selettiva, creando il presupposto per le intolleranze alimentari. L’organismo perde la propria identità biologica, la capacità cioè di distinguere il “buono” dal “non buono”.

 

La flora intestinale

Lactobacillus-casei-Shirota-in-bassa

All’origine c’è sempre la compromissione della flora batterica intestinale: qualunque fattore ne alteri l’equilibrio, può aprire dei “varchi” nella barriera che permette il passaggio di sostanze e l’insorgenza di intolleranze.

Alla compromissione della flora intestinale già dall’infanzia può contribuire un insufficiente allattamento al seno o qualche errore nello svezzamento che predispongono un terreno più fragile. Più avanti una non corretta alimentazione, l’abuso di farmaci, l’assunzione spesso inconsapevole di cibi sempre più contaminati da additivi, pesticidi, metalli pesanti, lo stress, la candida possono alterare l’integrità difensiva e filtrante della mucosa.

 

Identificare l’alimento: il test per l’identificazione delle intolleranze

bread-wallpaper_1920x1200_83404

Il primo passo consiste nell’identificare l’alimento o gli alimenti che provocano intolleranza.

Il test più semplice ed efficace è un test kinesiologico basato sulla risposta muscolare: consente in modo non invasivo di identificare gli alimenti oggetto di intolleranza, per sospenderli temporaneamente e consentire così all’intero organismo di disintossicarsi. E di riconquistare la tolleranza immunologica.

 

Dopo aver identificato gli alimenti incriminati, occorre anche agire ripristinando l’integrità della mucosa e correggendo gli eventuali errori di alimentazione, adottando una alimentazione antinfiammatoria.

Se vogliamo evitare di dover combattere successivamente con nuove intolleranze e di instaurare un circolo vizioso è fondamentale sostenere l’eliminazione degli alimenti incriminati con un intervento mirato a favorire l’eliminazione delle tossine dall’organismo, a disintossicare gli organi emuntori e ripristinare l’integrità funzionale dell’intestino.

  • Provate a rispondere alle domande del questionario che vi propongo, per valutare la possibilità di avere delle intolleranze. Non è uno strumento di autodiagnosi ma può fornire una prima indicazione. La diagnosi effettiva va naturalmente affidata ad un terapeuta esperto e all’esecuzione di un test per individuare con sicurezza le sostanze non tollerate.
  • by  http://www.fioricolori.it

Prenota il test per l’identificazione delle intolleranze alimentari

Lascia un commento