Alghe dimagranti: scopriamo alghe e altri ingredienti utili per dimagrire

Le alghe un tempo facevano parte della nostra cultura e delle nostre abitudine alimentari, soprattutto nelle zone costiere. Oltre a essere un ottimo integratore di vitamine e minerali, facilitano l’eliminazione delle sostanze tossiche e in particolare dei metalli pesanti (come piombo, mercurio, cadmio)

alghe dimagranti

 

le alghe svolgono anche una potente azione antiossidanti contro i radicali liberi, dovuta parte alle fucoxantine e in parte ad altre sostanze non ancora identificate. Gli acidi grassi omega3 presenti agiscono come antinfiammatori e stimolatori delle difese immunitarie.

Sono naturalmente molto ricche di iodio, da evitare quando sono presenti patologie per cui è necessario ridurre lo iodio, come nell’ipertiroidismo. Si trovano essiccate nei negozi del biologico.

zuppa-ceci-daikon-alga-kombu

  • ALGA WAKAME: iodio, calcio, magnesio, ferro, vit. Gruppo B, vit. C. E’ un’alga bruna dal sapore delicato e conformazione frondosa. Si mangia e mi si dice sia squisita anche cruda nelle insalate. Ammorbidisce le fibre degli alimenti con cui viene cotta ed è quindi ottima per la cottura dei legumi , come la foglia di alloro. Per la presenza delle mucillagini è adatta alla cura degli stati infiammatori di tutto il tratto digerente (anche per esempio quelli che si verificano durante le terapie oncologiche). Ottima per disintossicare il fegato.
    Spesso utilizzata per minestre e zuppe di miso. Qui protagonista di una buona zuppa con ceci e  daykon.
  • IMG_9295-1024x768

 

  • ALGA KOMBU: Iodio, acido alginico (agisce come depurativo naturale dell’intestino, lega ed elimina le sostanze tossiche come i metalli pesanti), acido glutammico (sostiene le funzioni cognitive del cervello come la memoria), ferro calcio, magnesio
    E’ un’alga bruna. Insaporisce, addolcisce, ammorbidisce i cibi e li arricchisce le zuppe e gli stufati.

lattuga-di-mare

  • ALGA NORI: o “lattuga di mare”: tra le verdure acquatiche è la più ricca di proteine.contiene anche vit. C, vit. gruppo B, è ricca di vit. A quanto le carote. E’ utilizzata anche per guarnire o per avvolgere palle di riso e involtini del sushi, ottima fritta.

 

 

Alghe per dimagrire?

Le alghe, soprattutto quelle marine, possono avere un ruolo anche nella conquista o nel recupero del peso forma. Del peso giusto per noi, quello che ci fa sentire a nostro agio.

Ed è facile intuire il perchè:

–   le alghe contengono principi attivi, iodio e selenio in particolare, che stimolano la tiroide e  i processi metabolici. Stimolano cioè il metabolismo e lo rendono più veloce e attivo

–   contengono inoltre mucillagini che placano la fame, consentono di bruciare i chili di troppo, migliorano la digestione, prevengono la stitichezza, le malattie cardiovascolari e gli stati infiammatori.

Quindi, se non soffrite di ipertiroidismo, potete utilizzare le alghe essiccate con tranquillità e godere delle loro proprietà senza problemi, consumandole in zuppe, minestre o insalate dopo averle lavate e ammorbidite in acqua tiepida.

Se invece state pensando ai preparati e agli integratori a base di alghe che si trovano così numerosi in erboristerie e farmacie, attenzione, niente fai da te.  Per il loro elevato  apporto di sostanze iodate, vitamina C e selenio, il loro uso essere guidato da un terapeuta.

In ogni caso, visto che il sovrappeso, l’obesità, il dimagrire, il peso ideale, sono tutti temi centrali per una  naturopata, vorrei fare una riflessione insieme a voi: il benessere e il peso forma sono l’espressione  di un organismo in equilibrio, sono il risultato un corretto stile di vita, di un giusto equilibrio dinamico tra cibo sano e attività fisica. senza il quale non c’è dieta, non c’è alga, non c’è intervento terapeutico che possa dare risultati duraturi.

Altri ingredienti utili per restare in forma e perdere peso:

  • FUNGO SHIITAKE: lo Shiitake è il fungo più famoso in Giappone, è ormai diffuso in tutto il mondo.  Per le sue proprietà è molto simile al nostro fungo orecchione (Pleurotus ostreatus). Il fungo (take) cresce e viene coltivato sui tronchi degli alberi (shii) quercia, faggio, castagno. La più pregiata è la qualità donko. In Italia è possibile reperirlo essiccato, nei negozi di alimenti biologici. Aiuta il corpo a neutralizzare gli effetti dell’eccessivo consumo di sale e grassi animali.

Alcuni condimenti ricavati dalla fermentazione della soia:

  • MISO: è un ottimo condimento che può essere consumato tutti i giorni (un cucchiaino). E’ derivato dai semi della soia gialla e cotta e messa a fermentare insieme a orzo o riso con l’ aspergillus oryzae (un lievito particolare). Per avere un buon Miso la lenta fermentazione in acqua salata deve durare almeno 24 mesi.
  • Ha un gusto deciso e salato, possiamo utilizzarlo per condire e insaporire zuppe salse e marinate. E’ molto utile per il buon funzionamento intestinale, grazie agli enzimi e ai fermenti che contiene. Deve essere utilizzato non pastorizzato e messo a fine cottura, per impedire che il calore lo danneggi. E’ molto ricco di proteine facilmente assimilabili, di acido linoleico e lecitina, che aiutano a controllare il colesterolo.
  • miso bruno fermentato tre anni e miso chiaro fermentato sei mesiLa ZUPPA DI MISO è uno dei cibi rappresentativi per ogni giapponese, ed è una eccellente cura per combattere l’inquinamento e per riequilibrare gli effetti  di cibi poco salutari o  mangiati di sfuggita. ci sono molti modi per preparare questa zuppa, qui trovate la versione base che può essere variata a seconda della stagione e dei propri gusti.
  • TAMARI: è una salsa dal sapore forte tradizionalmente usata in giappone per condire il riso e piatti a base di verdura. E’ prodotto dal liquido che si forma in fondo ai fusti di fermentazione del miso. Un buon tamari richiede una lenta maturazione con acqua nei barili di cedro per diciotto mesi.
  • Attenzione però: esistono in commercio salse di soia prodotte con proteine idrolizzate, acqua, sale, sciroppo artificiale di mais e caramello, la cui preparazione non richiede più di un giorno. Queste salse è bene lasciarle sugli scaffali del negozio.

Lascia un commento